Etnomediterranea Libere sponde Mediterranee Italia Libera Civile e Garibaldina

VERSO UN PROGETTO EUROMEDITERRANEO DI SVILUPPO SOSTENIBILE VALORIZZANDO LE EREDITA´ MATERIALI E IMMATERIALI



VERSO UN PROGETTO EUROMEDITERRANEO DI SVILUPPO SOSTENIBILE VALORIZZANDO LE EREDITA´ MATERIALI E IMMATERIALI

17/03/2017 20:59:25

La VI Assemblea generale dell'ICCN(Intercity-Intangible-Cultural Cooperation Networks)riunitasi ad Agrigento il 10 marzo in occasione dell'edizione del "Mandorlo in fiore-Tempio della Concordia" ha deciso di proporre come bene Unesco la cerimonia del "tripode della concordia", assegnando ai gruppi di danzatori Israeliani e Palestinesi il premio della giuria internazionale.*

Nella stessa assemblea e' stato affidato a Natale Giordano, manager del COPPEM(Comit.Permanente per il Partenariato Euromediterraneo delle Autorita' Locali e delle Regioni) ,l'Ufficio Regionale per l'Area Euromediterranea,che avra' il compito di attuare Progetti Euromediterranei di Sviluppo Sostenibile attraverso la valorizzazzione delle Eredita' Immateriali(Intangible Cultural Heritage Project).

E' una bella notizia poiche' finalmente dopo la conferenza di Barcellona del 1995,la costituzione del COPPEM(nel 2000)con sedi a Poznan,Cairo,Rabat,Istambul,Eilath(Israele) e El Birth(Palestina), la lista della convenzione Unesco per le Eredita' immateriali(2003),l'ufficio Euromed dei partiti democratici e socialisti d'Europa(2008),finalmente si va verso un progetto unico ,nell'area euro mediterranea, per lo SVILUPPO SOSTENIBILE attraverso la VALORIZZAZIONE DELLE EREDITA' IMMATERIALI(feste religiose e civili,lingue e dialetti,tesori umani viventi,musiche e liturgie,saperi artigiani e agricoli)e speriamo anche per le EREDITA' MATERIALI(i comuni Beni culturali materiali o Tangible cultural heritage)in modo che attraverso la conservazione,il restauro,la riscoperta dei beni si possa innescare un processo virtuoso che porti alla creazione di nuove aziende con marchio DOC dei loro prodotti,che si favorisca la Biodiversita' e che si dia lavoro alle maestranze specializzate nel settore del restauro dei beni culturali e ambientali:E' una scommessa che i paesi europei dell'area mediterranea,insieme ai partner dell'altra sponda,possono condurre con esito positivo verso una economia "green" in grado di opporsi alla globalizzazione ma anche alla cancellazione delle identita' locali e all'industrializzazione robotica e inquinante che ci viene dai modelli di economia capitalistica

IL "Mandorlo in fiore" di Agrigento verra' proposto nella Lista della Convenzione per la salvaguardia delle eredita' immateriali dell'Unesco(Convention for the safeguarding of the intangible cultural heritage)

Questa Notizia Ŕ stata letta 82 volte



© 2017 Etnomediterranea - Area Riservata