Etnomediterranea Libere sponde Mediterranee Italia Libera Civile e Garibaldina

VERSO IL G7 A TAORMINA,CENTRO DEL MEDITERRANEO E CAPITALE DEL TURISMO



VERSO IL G7 A TAORMINA,CENTRO DEL MEDITERRANEO E CAPITALE DEL TURISMO

21/05/2017 13:51:51

E’ fin dai primi tempi del G7, nel lontano 1975, quando l’allora Presidente francese Valery Giscard d’Estaing convocò il primo Summit delle principali economie industrializzate, che i colloqui del G7 sono improntati a un senso di informalità tra i Leader, di schiettezza del dialogo, di trattazione dei principali temi di attualità internazionale alla presenza dei funzionari di fiducia dei Capi di Stato e di Governo convenuti, di brevità dell’incontro e che culminano con la sottoscrizione di una Dichiarazione congiunta contenente gli impegni politici pattuiti tra i Leader convenuti e le posizioni comuni che hanno trovato nella discussione delle principali questioni globali al centro del dibattito internazionale, integrando, contemporaneamente, con il loro contributo il coordinamento economico globale di cui si occupa il G20.

Del resto un simile approccio è imprescindibile nel contesto internazionale contemporaneo, in cui il progresso tecnologico, i minori tempi di trasporto e la liberalizzazione delle Politiche nell’Unione Europea e nei rimanenti Paesi dell’Economia mondiale, sottoposti alle influenze della globalizzazione volenti o nolenti, hanno incrementato i flussi commerciali e finanziari tra i vari Paesi e suscitato implicazioni non di secondo piano per l’andamento dell’Economia dell’Unione.

Il mandato viene assunto a rotazione da ciascun Paese che ne fa parte e questa volta sarà il turno dell’Italia, che sta esercitando la Presidenza di turno del G7 dal 1 gennaio 2017 e che si protrarrà fino al 31 dicembre 2017. I Paesi coinvolti sono: Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti e UE. Il 26 e 27 maggio sarà Taormina la sede che ospiterà i lavori del Vertice dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi del G7. Il tema scelto per essere il filo conduttore: “Costruire le basi di una fiducia rinnovata”. Titolo che è tutto un programma e che, emblematicamente, racchiude in se il senso del proposito dei “Grandi” della Terra convenuti di impegnarsi ad adottare politiche che siano più rispondenti alle aspettative dei cittadini.

L’Unione Europea, abitualmente, è presente ai lavori dei partecipanti al Summit “come membro non enumerato”, che non può, cioè, né presiedere né ospitare nelle sue Sedi istituzionali i Vertici.

Questa Notizia Ŕ stata letta 117 volte



© 2017 Etnomediterranea - Area Riservata