Etnomediterranea Libere sponde Mediterranee Italia Libera Civile e Garibaldina

SETTIMANA EUROPEA DEI GEOPARCHI:OCCASIONE PER PARLARE DI VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO!



SETTIMANA EUROPEA DEI GEOPARCHI:OCCASIONE PER PARLARE DI VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO!

12/06/2017 13:47:06

Sono 69 in tutta Europa i siti Geopark riconosciuti dall'Unesco e tutti presentano particolarita' geologiche,paesaggistiche,antropologiche comprese in aree protette ,immancabilmente collegate al patrimonio naturale e culturale.
Nei Geoparchi oltre andare alla scoperta dei fossili,dei grandi alberi centenari,dei graffiti lasciati dall'uomo preistorico,delle grotte, delle cascate......ci si dedica alla promozione del territorio e della biodiversita',parole che sembrano di difficile comprensione e invece vogliono far riflettere sulle speci arboree,faunistiche,agricole che possono costituire un volano per lo sviluppo locale se adeguatamente tutelate.Ne volete un esempio in Sicilia?
La Settimana dei Geoparchi parte dalle "gole di Tiberio" sul fiume Pollina dove e' stata riscoperta la cultura arborea dellla "manna" del frassino.Poi si va sulle Madonie dove nei pressi di Scillato,nella valle dell'Imera, una cooperativa di giovani ha realizzato un presidio slow food per la tutela dell'albicocca "dalle striature rossastre" ;e mentre questo accade le aziende agricole si mettono in rete con "Sicily4business" che e' l'opportunita' di gustare cibo biologico attraverso le catene degli alberghi turistici!
E intanto nasce la "Carta di Bologna" per l'ambiente,una delle iniziative programmate col G 7 Ambiente e vedra' la luce domenica prossima per la PROMOZIONE DI UN MODELLO SOSTENIBILE : dai rifiuti,all'acqua,all qualita' dell'aria,dalla transizione energetica alla mobilita' sostenibile,otto macro-obiettivi individuati dalla CARTA da inserire nelle agende metropolitane. E se ci sono aziende di produzione agricolo-biologica,come "Natura Iblea" di Ispica(Rg),tra i primi produttori in Italia,ora viene loro riconosciuta anche la capacita' di sostenere il welfare(agevolazioni per il benessere dei lavoratori)anziche' il profitto che nasce dallo sfruttamento della manodopera(vedi caporalato ecc.).L'azienda di Ispica vince il premio Welfare Index Pim proposto da Generali Italia e si colloca come esempio di UNA ECONOMIA SOSTENIBILE CUI GUARDARE PER POLITICHE DEL TERRITORIO OLTRE IL PROFITTO PURO E SEMPLICE
E parlando di modelli antropologici possibili(qualcuno suggerisce di prendere a esempio gli indios dell'Ammazzonia che difendono strenuamente il loro territorio-vedii il libro di De Castro-Dainowski)
vi segnaliamo tre iniziative culturali svoltesi a Palermo per riflettere sul futuro possibile:il 5 giugno all'Universita' Popolare Ulite viene presentato il libro del medico Vincenzo Borruso che traccia la storia della violenza perpetrata in nome del concetto patriarcale di "riproduzione":l'autore suggerisce il concetto diametralmente opposto,quello matriarcale-matrilineare!
Il 7 giugno al Centro regionale per il restauro esperti di cultura materiale(lavorazioni,tecniche produttive ecc.)e "immateriale"(tradizioni popolari,storia orale) si confrontano sul tema dei mestieri antichi da recuperare.E infine l'8 giugno all'Istituto Platone il dibattito conclusivo sul ciclo d'incontri Sicilia-mediterraneo,dedicato al "socialismo arabo" come modello di cooperazione possibile tra le due sponde,un modello sempre vivo per favorire il pluralismo religioso ed etnico,ma anche la redistribuzione della ricchezza!

Questa Notizia Ŕ stata letta 97 volte



© 2017 Etnomediterranea - Area Riservata